sabato 1 marzo 2014

E tempo di corvi neri.

La oyster e stata imbottigliata.
Ora posso dedicarmi a colei che temo più di ogni altra.
Croce (spesso) e delizia (raramente), a lei regina austera e zarina tiranna, volubile e implacabile più di ogni altra tra tutte le mie amate creature.
La Scurbatt.

Dodicesima cotta.
Ricetta ristravolta completamente.
Sia nel grist che nella luppolatura.

Etichetta cotta n°11

Alzerò anche un pochettino og.
E anche la co2, la n°11 che oramai ha quasi un anno e ancora piatta piatta...ok l'UK style...ma il troppo stroppia. :-)
E forse e proprio quello che l'ha rovinata.
E ok...va bene...
sbagliando si impara.
Ma a furia di sbagliare qua siamo a 12 cotte...e certezze poche.
Però devo dire che alcuni parametri li ho quasi portati dove volevo...vediamo di limare ancora qualcosina.
Brassando la n° 11 fantasticavo su aggiunte estrose da fare in questa.
Ma ero convinto di centrarla e così non e stato, per cui per ora tutto rimandato ad un futuro quanto prossimo non so.
Devo lavorare ancora sull'ossatura.
Per cui sta notte 1-3-14 mi appresto con un bel po' di timore reverenziale a questo temuto esame.
Cotta contenuta punterò ad un 15-16 litri circa.
Lavorerò con pentola piccola in bollitura.
La cosa non mi dispiace, tutto più snello e agile.
Non la affronto come con la Cozzamara con gioia e allegria, ma con tanto timore di non essere ancora all'altezza di sua signoria, come un'esame dove si...si e studiato e anche tanto...ma dentro il cuore si sa che e materia ostica, dura e non si e tranquilli per nulla.
Non voglio nemmeno sperare in una botta di culo come fu la prima.
Anche perché se mi avvicinassi al risultato a cui ambisco non sarebbe per quello, ma per tutte le ore passate a scervellarmi su hobbybrew davanti alla ricetta.
Paragonare 11 cotte, estrapolarne (o almeno cercare) i dati, i parametri buoni e quelli errati.
Sapendo poi che al primo assaggio potrebbe crollare tutto come un castello di carte con un soffio di vento.
Brassare così non e bellissimo eh...ma va fatto...devo farlo...nella ricerca del mio sacro graal devo intraprendere la strada buia e oscura di questa cotta anche se la temo.
Non spero nulla.
Brasso e si vedrà....punto.

P.s Devo rivedere anche il font dell'etichetta....quello della 11 fa pietà.

Etichetta rivista per la futura nascitura



14 commenti:

  1. Risposte
    1. Ma in questa etichetta il font fa davvero pietà Velle.
      Devo apportare migliorie anche li.
      Meglio per ora che penso solo alla birra...ma anche l'etichetta va armonizzata un po' eh.
      Certo se poi la birra fa cacare....però l'etichetta e bella...ahahah
      Ah Velle a propositi ho bevuto un'altra boccia di tua Imperial Stout.
      Molto buona davvero....tanta roba.
      Complimenti! ;-)

      Elimina
  2. Ah dimenticavo Velle.
    Un mio amico che dice che faccio sempre etichette con qualche gnoccolona, vedendo questa mi fa come mai questa e così...niente patata?
    Ma non e un corvo gli ho risposto io....e una corva! ;-)
    Per un corvo...e una gnoccolona pure lei....ahahah

    RispondiElimina
  3. il Mi Piace, in questo caso, non era per l'etichetta, ma per la birra ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh...magari Velle.
      Secondo me sono in caduta libera.
      Devo trovare un paracadute.
      Poi il mash di sta birra e un vero cinema.
      Lo definirei mash conco....ahahah
      Non so se per brewjam sarà già pronta.
      Nel caso assaggeremo.
      Oh per te e il Mister ho da parte 2 bottiglie dipseudo Barley wine, la Centenaria.
      Pseudo perché un Barley wine non si può far bere così....va giù troppo dritta per avere 10%.
      Deficita nella parte maltata...ha attenuato troppo per un Barley Wine...però ok, non chiamiamola Barley wyne magari...ma si fa bere eccome. ;-)
      Da parte una per uno.

      Elimina
  4. Te fai sempre il modesto, poi tiri sempre fuori dei birroni.

    Ottimo se il bw si lascia bere mi piace.
    Io per il momento ho una dry stout, una apa (che sta andando via come il pane...), la bock ;) (metto da parte qualcosa, come promesso)

    ...e poi devo rimettermi a fare qualcosa e stavo pensando ad un bw. Ma forse faccio prima qualcosa di più beverino.

    Ho ancora qualche bottiglia di imperial stout.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Seeee....birroni...magari fosse come dici tu.
      Si si....la bock assolutamente tienimela da parte.
      Orca hai fatto na dry?
      Interessante.
      Dai che a brewjam scambiamo un po' di roba!!!!
      A breve devo imbottigliare anch'io la bock, il 9 fa un mese di lagerizzazione...ci siamo quasi.
      Peccato per i 5 lt rovesciati.
      Ne son rimasti solo 21....quest'anno sarà da centellinare....peccato. :-(

      Elimina
  5. Dai Conco affronta le tue paure e.....brassala!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Druido!
      Hahahah...non solo l'ho brassata, ma sta già fermentando.
      16 lt Og 1086.
      Ma ho tanta fondazza, ne tirerò fuori un 14 lt suppongo.
      Un 4 pt in più di og, efficienza alta per essere una cotta così contenuta e con og alta (71%).
      Per di più non lavoravo con pentola piccola da tanto e non ho molti dati.
      Mi sono spaventato un po' perché in pre boil ero molto alto di densità...ma mi pareva impossibile...per fortuna mi son fidato delle mie sensazioni, nel senso che ho incrementato gittate ma in maniera pacata...ed ho centrato miei parametri.
      La prossima volta che riuserò pentola piccola saprò cosa aspettarmi.
      Ora e nelle sapienti mani di mastro birraio lievito.
      Non resta che attendere. ;-)
      Ciao

      Elimina
  6. Ciao! Ho letto il tuo intervento su BrewingBad, argomento Irish dry stout. Domenica mi appresto a brassare la prima cotta secondo questo stile, avresti gentilmente qualche consiglio da darmi? Grazie in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michele!
      Ma intendi per una irish stout o per una Russian Imperial Stout?
      Se e per irish in pratica il mio grist e semplice...pale....fiocchi d'orzo....roasted...stop.
      Se invece chiedi consigli su una Ris beh...il primo e fatti il segno della croce...ahahahah
      E uno stile non semplice.
      In pratica si può utilizzare di tutto e di più.
      Si può cercare una buona attenuazione oppure il contrario.
      Davvero non e semplice credimi.
      Ma che non sia semplice non vuol dire che sia impossibile.
      La prima che feci nella mia beata ignoranza mi piacque da morire.
      Botta di culo...ok....ma era buona davvero.
      Pensa che ho appena bevuto ultima bottiglia che custodivo gelosamente!
      Aveva quasi 5 anni....mancavano giusto un paio di mesi.
      Tutto sta a vedere come la vuoi tu....come la pensi...come te l'aspetti.
      Ma con la zarina....vale tudo...ahahaha
      In bocca al lupo Michele. ;-)

      Elimina
    2. Grazie per i consigli sulle RIS, ma parlavo di Irish dry stout.
      In particolare, apparte il grist che in effetti non può prevedere altri malti, al massimo un malto scuro al posto dell orzo tostato (chocolate/carafa etc), quello che mi chiedevo è come gestire al meglio l'astringenza data dal roasted barley.Non so fai un'infusione tardiva, o stai particolarmente attento all'acqua, al pH...e poi volevo chiederti se utilizzi il solito roasted barley che si trova nei siti italiani a 1600 ebc...grazie!

      Elimina
    3. Io lo uso in mash...non sono tipo da infusioni tardive o a freddo, non mi piacciono come idea.
      Beh per una stout l'acqua deve essere dura....per forza.
      Per finire in effetti io uso un roasted barley che mi fu regalato qualche anno fa da un birrificio che ne aveva in eccedenza....e mi sa che era vicino a scadenza.
      Io lo uso tutt'ora e saran passati 3-4 anni eh....ahahah
      Per ebc non so quale abbia...io lo calcolo come il tuo più o meno.
      Ed e da tanto che non lo ordino più...ora l'ho quasi finito, anno prossimo dovrò riordinarlo.
      In effetti se non erro l'ultimo che ordinai dai soliti rivenditori sta sui 1660 se non ricordo male.
      Per me poi molto dipende dal palato....io bevvi anni fa una Imperial stout di un mio carissimo amico matto hb.....e di ebc stava sui 200....follia...eppure a me l'inevitabile astringenza che un po' aveva non mi dava fastidio...anzi.
      Per cui magari sono io che son poco sensibile a questo.
      Forse amo troppo i malti black...ne sono assuefatto! ;-)

      Elimina